giovedì 2 marzo 2017

#LottoMarzo a Massa!






LOTTO MARZO: SCIOPERO GLOBALE DELLE DONNE
SE LE NOSTRE VITE NON VALGONO
ALLORA SCIOPERIAMO!
A Massa come in moltissime città d’Italia e del mondo, il prossimo 8 marzo sarà l’occasione per riprenderci questa giornata di lotta: una giornata in cui sperimentare e praticare forme di blocco della produzione e della riproduzione sociale, reinventando lo sciopero come vera e propria pratica femminista contro forme di violenza, discriminazione e sfruttamento che viviamo quotidianamente, 24 ore al giorno, in ogni ambito della vita, che sia pubblico o privato.
Tutti gli appuntamenti della giornata a Massa:

ore 16.00 Stanze del Teatro Guglielmi
Iniziativa #LottoMarzo in collaborazione con CGIL, proiezione video, testimonianze e dibattito

ore 18.30 Hotel Excelsior
Convegno Obiettivo Donna organizzato da Soroptimist International Club di Apuania

ore 20.00 Cinema Multisala Splendor
Proiezione film Il diritto di contare, ingresso € 3,50 e raccolta fondi per il Centro Antiviolenza D.U.N.A.


Constatiamo ogni giorno quanto la violenza sia fenomeno strutturale delle nostre società, strumento di controllo delle nostre vite e quanto condizioni ogni ambito della nostra esistenza: in famiglia, al lavoro, a scuola, negli ospedali, in tribunale, sui giornali, per la strada… per questo il prossimo 8 marzo sarà uno sciopero in cui riaffermare la nostra forza a partire dalla nostra sottrazione: una giornata senza di noi. Ci fermiamo a dispetto di chi ci uccide per “troppo amore”, di chi, quando siamo vittime di stupro, processa prima le donne e i loro comportamenti; di chi “esporta democrazia” in nostro nome e poi alza muri tra noi e la nostra libertà. Di chi scrive leggi sui nostri corpi; di chi ci lascia morire di obiezione di coscienza. Di chi ci ricatta con le dimissioni in bianco perché abbiamo figli o forse li avremo; di chi ci offre stipendi comunque più bassi degli uomini a parità di mansioni…

Le forme tradizionali del lavoro e della lotta si combineranno con la trasformazione del lavoro contemporaneo – precario, intermittente, frammentato – e con il lavoro domestico e di cura, invisibile e quotidiano, ancora appannaggio quasi esclusivo delle donne, ancora sottopagato e gratuito. Sarà uno sciopero dai ruoli imposti dal genere in cui mettere in crisi un modello produttivo e sociale che, contemporaneamente, discrimina e mette a profitto le differenze.
A cento anni dall’8 marzo 1917, torneremo in strada in tutto il mondo, a protestare e a scioperare contro la guerra che ogni giorno subiamo sui nostri corpi: la violenza, fisica, psicologica, culturale, economica. Se le nostre vite non valgono, allora ci fermiamo!
Mutuiamo lo sciopero come pratica fondamentale per segnalare la nostra sottrazione da una società violenta nei confronti delle donne: per questo lo sciopero sarà articolato sulle 24 ore e riguarderà ogni nostra attività, produttiva e riproduttiva, ogni ambito, pubblico o privato, in cui discriminazione, sfruttamento e violenza su ognuna di noi si riaffermano. Se delle nostre vite si può disporre (fino a provocarne la morte) perché ritenute di poco valore, vi sfidiamo a vivere, produrre, organizzare le vostre vite senza di noi. Se le nostre vite non valgono, noi ci fermiamo.
Uno sciopero per ribaltare i rapporti di forza, per mettere al centro le nostre rivendicazioni, la necessità di trasformare relazioni, rapporti sociali e narrazioni. In casa, a scuola, sui luoghi di lavoro, nelle istituzioni.
#NonUnaDiMeno #LottoMarzo #SiamoMarea #ARPA #CAVDUNA

1 commento:

  1. Ciao Signora e signore,

    Queste informazioni prestito da ELISABETTA MEATA della Signora GIUSEPPINA ELEONORA (giuseppina.eleonora01@gmail.com) sono competenti e davvero questo è grave, ho letto la loro testimonianza e anche io ho avuto un amico che ha ricevuto un prestito di 15000 euro, nel Lazio. Si prega di fiducia in per il vostro prestito in modo sicuro e veloce con la signora locali GIUSEPPINA ELEONORA, email: giuseppina.eleonora01@gmail.com grazie.

    RispondiElimina