mercoledì 29 febbraio 2012

ROSSELLA URRU e SANDRA MARIANI dimenticate, ma non da noi!

E' stata dimenticata dalla maggior parte dei mass media e non solo!
Rossella Urru, 29 anni, è nelle mani di un gruppo armato che la tiene in ostaggio da qualche parte nel sud-est dell’Algeria. Cooperante italiana, è stata rapita da un commando la notte tra il 22 e il 23 ottobre 2011.
Rossella si occupava di rifornimenti alimentari per il campo profughi Saharawi di Rabuni traboccante di donne e bambini allo stremo e chi come me è della Provincia di Massa-Carrara dovrebbe essere ancora più partecipe dell'accaduto dato che dal 2004 abbiamo stretto un "patto di amicizia"  con questa popolazione e accogliamo bambini e bambine Saharawi! E allora perchè tutto questo silenzio, dal locale al globale??? Perchè preferire scandali alla Novella 2000?
Solo ultimamente dopo l'appello di Geppi Cucciari dal Palco dell'Ariston e quello di Fiorello si è acceso un lumino sulla situazione di Rossella.

Le ultime notizie che si hanno di lei risalgono a dicembre quando un gruppo dissidente dell’Aqmi (Jamat Tawhid Wal Jihad Fi Garbi Afriqqiya ) ha rivendicato il rapimento. Da allora più nulla. Silenzio. I media e il mondo politico sembrano assolutamente disinteressati. Fa sicuramente più audience la farfalla di Belen o la scollatura della Tatangelo!!!

Uniche eccezioni il Tg3 che ha inserito un banner che campeggia nella parte alta della sua homepage. “Lo terremo fino alla liberazione di Rossella Urru – scrive Silvio Giulietti della redazione Internet – vi invitiamo a segnalare all’indirizzo mail tg3net@rai.it tutte le iniziative di cui venite a conoscenza utilizzando come oggetto del messaggio la dicitura “Rossella libera”. Le pubblicheremo”.

E il Tg di La7 che ci ricorda anche di un'altra cooperante italiana Sandra Mariani ostaggio di un gruppo del Maghreb vicino ad Al Qaeda da oltre un anno.


Voglio dedicare a Rossella, a Sandra, ma anche a tutte quelle persone che come loro si trovano in paesi in serie difficoltà a portare aiuti e solidarietà concreta a rischio della propria vita, la Lettera contro la guerra del grande Tiziano Terzani :


Lettera contro la guerra


Ancor più che fuori, le cause della guerra sono dentro di noi.
Sono in passioni come il desiderio, la paura, l'insicurezza, l'ingordigia, l'orgoglio, la vanità...
Lentamente bisogna liberarcene.
Dobbiamo cambiare atteggiamento.
Cominciamo a prendere le decisioni che ci riguardano e che riguardano gli altri sulla base di più moralità e meno interesse.
Facciamo più quello che è giusto, invece di quel che ci conviene.
Educhiamo i figli ad essere onesti, non furbi.
E' il momento di uscire allo scoperto; è il momento d'impegnarsi per i valori in cui si crede.
Una civiltà si rafforza con la sua determinazione morale molto più che con nuove armi.




Con questo appello chiediamo ai media di dedicare spazio alla storia di Rossella e di Sandra, di renderle note all’opinione pubblica. Chiediamo al governo e al mondo politico di attivarsi per la loro liberazione. 

Impegnamoci tutt*, vogliamo Rossella e Sandra libere.

#freerossellaurru 

Intanto noi come donne del movimento SNOQ di Massa nel nostro piccolo per l'8 Marzo faremo tra le tante cose anche volantinaggio ed informazione! 


L’appello di Geppi Cucciari dal palco di Sanremo

L'appello di Fiorello per Rossella Urru

Spazio del Tg3 dedicato a Rossella Urru

Altre info sul sequestro di Rossella sul sito di Articolo 21

http://www.rossellaurru.it/

Nessun commento:

Posta un commento